Make your own free website on Tripod.com

MANUEL ALTOLAGUIRRE

ultimo aggiornamento 10/02/03

 

L'ALBA

La pioggia sguardi d'angeli 
in gloria, accordi di cristalli. 
E su tutto questo: l'allegria di stare 
non accanto, n sopra e 
neppure dentro, ma in Lei. 
Confusi entrambi, pi che fusi. 
Diventati ormai un solo corpo, 
un'anima sola che bacia se stessa 
negli spazi bianchi, dimentica del mondo.

Manuel Altolaguirre


 

SUL MARE

Non posso sapere le ore
che accumulo lungi da te.
Un sole implacabile vieta
che il tempo passi.Non arriva
la notte mai.Io volo
sotto una luce ch' morte,
luce che accerchia il tuo mondo,
luce che, s'io non corressi
la corsa dell'astro,
sarebbe per me l'aurora.
Felice te,che non hai
luce costante;che godi
notte e giorno nell'anima.
Non sai che cosa smarrirsi
illuminato e insonne
nello spazio,tra nubi,
senza essere angelo,senza essere angelo.

Manuel Altolaguirre


 

LE TUE PAROLE

Appoggiata alla mia spalla
sei la mia ala destra.
Come se tu spiegassi
e tue tenere nere penne,
m'innalzan le tue parole
a un candidissimo cielo.
Esultanza.Silenzio.
Seduto ora al mio tavolo,
mi sanguina la spalla,
la tua assenza mi duole.

Manuel Altolaguirre


indietro
 

ritorna alla pagina delle poesie